consulenza aziendale online esperto risponde online
studio contabile roma studio contabile roma

Clausola di Salvaguardia

05 Gen 2021
lavoro

Il Decreto Rilancio ha previsto  una particolare clausola di salvaguardia per preservare  le agevolazioni al  reddito dei lavoratori dipendenti nel periodo di emergenza Coronavirus.

In particolare l'art 128 prevede che:

  • sia il “bonus Renzi” di 80 Euro (art. 13, comma 1-bis del TUIR)
  • che il trattamento integrativo di 100 Euro che lo sostituirà dal prossimo 1º luglio (art. 1, D.L. n. 3/2020) spettano ai lavoratori dipendenti in possesso dei necessari requisiti anche se gli stessi risultano momentaneamente  incapienti,  a causa del minor reddito di lavoro prodotto nel 2020 per le conseguenze connesse all’emergenza sanitaria.

Il datore di lavoro, pertanto, deve riconoscerli comunque , nel periodo nel quale il lavoratore fruisce delle misure di sostegno contenute nel D.L. n. 18/2020, assumendo come riferimento la retribuzione contrattuale che sarebbe spettata in assenza dell’emergenza sanitaria.

Il “bonus Renzi” non percepito nel periodo in cui si è fruito delle misure a sostegno del lavoro dovrà essere corrisposto dal sostituto d’imposta a partire dalla prima retribuzione utile e, comunque, entro il termine per effettuare le operazioni di conguaglio.
Ricordiamo che le misure COVID- 19 a sostegno dei lavoratori,  introdotte inizialmente dal decreto Cura Italia n. 18-2020 e rinnovate con il decreto Rilancio n. 34 2020 sono le seguenti:

  • trattamenti di cassa integrazione ordinaria e assegno ordinario FIS
  • trattamenti di cassa integrazione in deroga;
  • congedi parentali COVID-19 per i dipendenti e per i  lavoratori iscritti alla Gestione Separata INPS percettori di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente alternativi al bonus baby sitting.

Va sottolineato che si tratta quindi di un’eccezione, stabilita per il solo anno 2020, al principio generale secondo il quale sia il vecchio  bonus Irpef (80 euro) sia il nuovo  trattamento integrativo non spettano nel caso in cui l’imposta lorda risulti inferiore alla detrazione per lavoro dipendente, prevista dall’art. 13, comma 1 del Tuir.

Gli importi anticipati ai lavoratori vengo recuperati tramite compensazione in F24 (Tributi/contributi/Iva ecc).

 



Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutte le novità del settore. Selezionando gli ambiti di maggior interesse potrai ricevere informazioni dettagliate e puntuali, altrimenti selezionali tutti riceverai la nostra newsletter per tutti gli argomenti.

Iscrivendomi al servizio dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e acconsentire al trattamento dei dati.


studio contabile roma