contabilità online contabilità online contabilità online
studio contabile roma studio contabile roma

PER LA DETRAZIONE IN FATTURA DEVE EMERGERE LA NATURA SANITARIA

06 Lug 2015
fiscale

La spesa sostenuta per un “ciclo di cure medico odontoiatriche specialistiche”, in quanto dalla descrizione riportata in fattura si può evidenziare la natura sanitaria della prestazione, è detraibile come previsto dall’articolo 15, comma 1, lettera c, del Tuir. Qualora il documento non consente l'identificazione della prestazione, occorrerà chiedere al medico professionista l'integrazione. Lo chiarisce l'Agenzia delle Entrate con la circolare n. 17 E del 24.04.2015 che troverete nella sezione documenti utili del nostro sito.

La documentazione “non corretta” potrebbe comportare la non detraibilità ai fini IRPEF delle somme pagate. Il caso ha visto protagonista una fattura medica presa in esame che illustrando l'attività svolta riportava la descrizione “ciclo di cure medico odontoiatriche specialistiche”. 


L’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la detrazione, ed ha sottolineato che l'art. 15, comma 1, lettera c), del TUIR stabilisce che dall'imposta lorda è possibile detrarre un importo pari al 19% delle spese sanitarie, per la parte che eccede € 129,11, costituite esclusivamente dalle spese mediche e di assistenza specifica, diverse da quelle indicate nell'articolo 10, comma 1, lettera b), e dalle spese chirurgiche, per prestazioni specialistiche e per protesi dentarie e sanitarie in genere. Per beneficiare della detrazione occorre essere in possesso della documentazione che qualifichi la spesa sostenuta, in modo che possa essere ricondotta a quelle previste dalla disposizione richiamata. 

L'Agenzia ha ritenuto che, nel rispetto degli obblighi stabiliti dall’art 21 del DPR n. 633 del 1972 a fini IVA in ordine al contenuto della fattura, per non penalizzare il contribuente, è sufficiente per il riconoscimento della detrazione, che dalla descrizione contenuta nella fattura emerga la natura “sanitaria” della prestazione.

Nel caso in questione, l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto che la dicitura riportata in fattura “ciclo di cure mediche odontoiatriche specialistiche” può consentire al contribuente di fruire della detrazione di cui alla lett. c) del comma 1 dell’art. 15 del TUIR.



Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutte le novità del settore. Selezionando gli ambiti di maggior interesse potrai ricevere informazioni dettagliate e puntuali, altrimenti selezionali tutti riceverai la nostra newsletter per tutti gli argomenti.

Iscrivendomi al servizio dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e acconsentire al trattamento dei dati.


studio contabile roma