consulenza aziendale online esperto risponde online
studio contabile roma studio contabile roma

GUIDA AL BUSINESS PLAN (PARTE II)

08 Ott 2018
consulenza aziendale

Nel ns precedente articolo abbiamo cercato di infondere un pò di sensibilità aggiuntiva nei confronti del Business Plan sottolinenandone l'importanza quale strumento di guida e presentazione della propria attività.

Ora non ci resta che entrare nel vivo, cominciando con quella che alcuni osservatori ritengono essere la parte più importante del Business Plan, l'Executive Summary.

L'Executive Summary è la parte più importante di un B.P. sotto il profilo introduttivo, che Vi permetterà di catturare l'attenzione di colui che legge il documento e che potrà farsi un'idea di quel che state proponendo e, di conseguenza, scegliere se sia o meno interessato a proseguire la lettura.

L'Exeutive Summary deve essere:

1) CHIARO. Deve indicare in modo trasparente e univoco quali sono i prodotti o i servizi che intendete sviluppare, quali i mercati in cui intendete entrare, quali gli obiettivi che Vi ponete, e così via.

2) RAZIONALE. Deve condividere con il lettore i motivi per cui state pensando di entrare in un determinato mercato.

3) ARGOMENTATO. Deve essere in grado di supportare con i dati e con i fatti per quale motivo ritenete cha la Vostra iniziativa sarà un successo.

4) SINTETICO. Deve riassumere gli elementi che tra breve esporremmo.

5) PERSONALE. Deve garantirsi un'ottima prima impressione senza rinunciare a quel tocco di personalità e di creatività che potrà dare al lettore un'idea di quel che siete.

Dopo aver compreso come partire con il piede giusto con la predisposizione dell'Executive Summary, occorre comprendere come poter scrivere una buona descrizione dell'impresa che è l'area del B.P. dedicata ad una panoramica più approfondita della Vostra società, con lo scopo di illustrare la natura dell'impresa e descriverne le caratteristiche fondamentali. All'interno di questa sezione dovrà pertanto trovare riferimento la mission, gli obiettivi, i punti di forza e di debolezza, i fattori di successo, e così via.

La sezione successiva sarà quella dedicata alla descrizione dei prodotti e dei servizi, un'area fondamentale dedicata a descrivere quali sono i prodotti/servizi che la propria impresa ha in mente di offrire sul mercato, illustrandoli in maniera approfondita e facendo comprendere al lettore del documento in che modo posso divenire il perno in grado di far girare il meccanismo della propria attività, conducendolo al raggiungimento degli obiettivi desiderati.

Dopo aver affrontato come strutturare le prime sezioni del piano, è giunto il momento di occuparci dell'analisi di settore. Fare un'analisi di settore significa scegliere in quale settore o settori l'impresa andrà ad operare e come poter dirottare su di essi i giusti impegni in termini di risorse. Dunque, la sezione è un'area nella quale il redattore del documento dovrà condividere con il lettore tali scelte, disegnando lo scenario nel quale l'azienda opera o dovrà operare, e individuando quali sono i vantaggi competitivi, i fattori che potranno determinare il successo e la sconfitta, e così via.

A seguire la terza parte della Guida al Business Plan.



Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutte le novità del settore. Selezionando gli ambiti di maggior interesse potrai ricevere informazioni dettagliate e puntuali, altrimenti selezionali tutti riceverai la nostra newsletter per tutti gli argomenti.

Iscrivendomi al servizio dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e acconsentire al trattamento dei dati.


studio contabile roma